La magia e la passione per l’arte si sono sprigionate ancora una volta nella splendida cittadina di Grisignana, sferzata dalla bora e colorata da 383 tele dei 232 artisti che hanno partecipato alla nona edizione dell’Ex Tempore, organizzata dall’Università Popolare di Trieste e dall’Unione Italiana di Fiume, in collaborazione con il Comune di Grisignana e la locale Comunità degli Italiani.
Lo scettro della nona edizione di pittura è andato a Zdravko Milic di Albona per l’opera “Alba istriana”, per l’intelligente e raffinata restituzione allusiva di un aspetto del paesaggio istriano sospesa tra finzione tecnologica e concretezza materico-pittorica; secondo il polese Fulvio Juricic con “Terzo Millennio”, per il prezioso e suggestivo rapporto tra l’umbratile matericità pittorica e il sottile grafismo con cui si alluse ad una misteriosa discussione temporale; terzo Mario De Trempis di Karlovac per “Mediterraneo”, per la festosa alleanza di segno pittorico e di simbolo contestuale con cui si rappresenta, in modo rastremato ed allusivo, la particolare temperie del paesaggio mediterraneo.
Il premio “Città di Grisignana” è stato conferito a Bruno Paladin di Fiume, per la particolarissima opera composita “Geoplanando l’Istria”, per l’ardimentosa, e quasi totemica, composizione gaiamente cromatica con cui idealmente si coglie al volo la peculiarità del paesaggio istriano.
La Giuria, presieduta dallo storico e critico d’arte Stane Bernik, era formata dal decano triestino Sergio Molesi, dall’artista milanese Bruno Chersicla, dal Direttore del Civico Museo di Albona Tullio Vorano e dal critico fiumano Ornella Boseglav, con il coordinamento di Roberto Ambrosi.

IX Ex Tempore di Grisignana